CES 2019. Dal B2C al B2B, come cambia il mercato del Tech

La kermesse di riferimento del mercato tecnologico apre i battenti e si delineano 5 tech trend principali per l’anno che verrà.

ces-2019

Il CES 2019 di Las Vegas, la più grande filiera globale dell’Hitech globale, apre i battenti dall’8 all’11 gennaio e porta con sé le ultime novità per il mercato tecnologico, caratterizzato da una profonda trasformazione generale, visto che da quest’anno sono privilegiate le applicazioni per le imprese rispetto a quelle per i consumatori finali. Di seguito 5 trend da tenere sott’occhio nel 2019 secondo Jean-Laurent Poitou, direttore esecutivo per l’Europa di Accenture Applied Intelligence.

 

5G
La prima ondata di applicazioni 5G sarà protagonista di questa edizione del CES e farà leva su due assi portanti: loT e la Smart Home, con nuove applicazioni scevre da connessioni in fibra. L’annuncio dei primi smartphone 5g per quest’anno apre le porte alle prima applicazioni, che al CES saranno appannaggio di un ampio stuolo di startup in ambito smart home, eHealth e auto connesse. Negli Usa, sottolina Poitou, operatori come Verizon ed At&t hanno annunciato la realizzazione delle prime reti 5g a livello nazionale, stesso discorso valido per Giappone e Corea del Sud. Due le categorie di nuovi servizi in cantiere, grazie a connessioni a bassissima latenza che entreranno a breve nelle case: da un lato, oggetti sempre più connessi, che “parleranno” poco; dall’altro, oggetti in grado di trasmettere enormi quantità di dati, come nel caso delle auto connesse.

Realtà immersiva
La realtà virtuale, aumentata e quella mista sono da tempo dei veri e propri trend al CES, ma in questa edizione 2019 lo saranno ancor di più, con soluzioni sempre più aperte al grande pubblico. I caschi VR (Virtual Reality) ha raggiunto una penetrazione del 6% nelle case degli americani, in aumento del 25% rispetto al 2017, con utilizzi sempre più diffusi per la fruizione di musica, contenuti legati alla moda, giochi e visite a siti online in 3D, con impatti concreti sulla produzione di contenuti e strategie di marketing.

Quest’anno l’applicazione della VR abbraccerà nuovi ambiti: dalla sanità all’istruzione alla formazione, ma anche allo sport. Il mix fra realtà reale e virtuale sarà sempre più diffusa in diversi settori, aggiunge l’analista di Accenture, chiamando ad esempio il caso da sci che trasmette sempre più dati digitali come la velocità, l’angolo di curva e la possibilità di connettersi ad altri sciatori. Sul versante della realtà aumentata, crescono le applicazioni che fanno ricorso a vibrazioni, segnali e dati aggiuntivi interattivi sempre più diffusi non soltanto nel gaming ma anche nel settore retail, per la vendita di auto, di cosmetici o altri accessori di moda.

Comando vocale
Cresce la domanda generalizzata di servizi azionati vocalmente. Se Alexa di Amazon e Google Assitant hanno debuttato al CES 2017 quest’anno gli assistenti vocali sposeranno nuovi device, a partire dal televisore, dagli specchi connessi, alle auto. Ma anche oggetti più sorprendenti, come ad esempio gli interruttori di casa.

Auto connesse e guida autonoma
Il CES di Las Vegas è diventato negli ultimi due anni anche una fiera dell’auto, dove si svelano le ultime novità in tema di connettività a bordo, con soluzioni sempre più personalizzabili grazie all’Intelligenza Artificiale in base alle abitudini e alle preferenze del guidatore e dei passeggeri. Le auto, sottolinea il manager di Accenture, diventerà sempre più un’estensione di casa.

Un altro fronte per le auto connesse riguarda l’aumento delle soluzioni di sharing, che vanno dalla condivisone dei passeggeri alle info sui parcheggi cittadini e gli scambi intermodali.

Resilienza e fiducia digitale
Dopo gli innumerevoli scandali che hanno colpito il mercato tecnologico nel 2018, primo fra tutti Facebook con Cambridge Analytica, si pone quest’anno un tema forte di fiducia e sicurezza dei dati. Tanto più che l’assistente vocale in futuro avrà a che fare con i nostri dati personali, a partire da quelli del conto bancario, e la gente vuole rassicurazioni su che fine faranno questi dati. In questo senso, una tecnologia che promette utilizzi vantaggiosi in ottica di sicurezza è certamente la blockchain. Fra le prime applicazioni, la messa in sicurezza di contenuti coperti da diritto d’autore, le foto pubblicate sui social network, e sulla pubblicità online. Fra i settori coinvolti energia, logistica e le banche.

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *