Una colletta in azienda per la Befana alla Pediatria del “L. Bonomo”

Giocattoli e dolciumi nelle calze offerte ai piccoli degenti del nosocomio cittadino

Prima di essere lavoratori sono innanzitutto giovani padri e per questo hanno deciso di diventare per un giorno aiutanti dell'anziana, (in realtà in questo caso non molto) Befana accompagnandola tra le stanze e la corsia del reparto di Pediatria dell'ospedale "Lorenzo Bonomo" di Andria ed aiutandola nella distribuzione di doni acquistati con una raccolta fatta in azienda. Una bella storia di generosità da raccontare nel giorno dell'Epifania. Protagonisti i dipendenti di una società non nuovi in realtà ad iniziative del genere, questa volta il loro pensiero è andato ai piccoli ammalati.

Una vera e propria corsa a scegliere il regalo più bello, ha animato le stanze e la corsia del nosocomio andriese dove sono ricoverati i piccoli pazienti con i loro familiari.

Alla sobria quanto festante cerimonia hanno preso parte il dottor Giuseppe Caruso, direttore sanitario della Asl/Bt,, il primario della struttura di Pediatria dell'ospedale di Andria, dottor Leonardo Di Terlizzi ed i rappresentanti della ditta G.M. Servizi di Roma, Vincenzo Mastrapasqua, Saverio Sansonne, Gerardo Granato, Francesco Dimeo, Oronzo Matrella, Vincenzo Rizzi, Giuseppe Zinfollino e Antonio Nesta, che improbabili Befane, hanno offerto i doni.

La GM Servizi di Roma, operante da circa un ventennio nel campo dell' informatica e delle telecomunicazioni, anche a livello internazionale, con una propria filiale in Brasile, ha una sede operativa decentrata proprio ad Andria. Alcuni dipendenti della G.M. Servizi di Roma, originari di Andria e dintorni, hanno deciso quest'anno di effettuare la loro tradizionale consegna di doni, ai piccoli degenti del reparto Pediatria del nosocomio andriese, preventivamente organizzata grazie alla disponibilità concessa dalla Direzione generale della Asl/Bt e del direttore sanitario per i nosocomi di Andria e Canosa di Puglia, dr. Stefano Porziotta.

Fonte: Andriaviva

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *