Hedberg: “Partnership cruciali per il rilancio dell’innovazione made in Italy”

Il ceo di Wind Tre: grandi imprese, investitori e startup devono fare squadra per la realizzazione di un ecosistema che consenta all’Italia di avere un ruolo anche nel panorama internazionale. E bisogna investire sui talenti.

“Le partnership tra grandi imprese, investitori e startup – ciascuno con la specificità del proprio ruolo – sono fondamentali per lo sviluppo, anche in Italia, di un ecosistema di innovazione paragonabile a quelli che si sono già affermati con successo in altre realtà internazionali”. Jeffrey Hedberg, ceo di Wind Tre ha acceso i riflettori sull’importanza dell’innovazione made in Italy in occasione dell’iniziativa Best Scholarship e Open Innovation – presentata da Fernando Napolitano, Ad della Italian Business & Investment Initiative e chairman del Best Steering Committe, e da Eduardo Montefusco, Presidente di Rds – durante la quale sono stati presentati i vincitori del Best Program, borsa di studio per gli italiani di talento sotto i 35 anni di età con idee innovative.  “I programmi come Best che aprono le startup italiane agli investitori internazionali – ha aggiunto il numero uno di Wind Tre – consentono a molti giovani italiani di poter affermare con successo le loro idee innovative”.    Il tema delle partnership è molto caro all’Ad di Wind Tre che lo ritiene determinante anche e soprattutto per lo sviluppo del 5G. “Le partnership tra pubblico e privato sono fattori cruciali per l’innovazione e la trasformazione digitale”, aveva detto dal palco del Time Warner Center di New York in occasione dell’ottava edizione dell’“International Business Exchange”, dove ceo e rappresentanti di istituzioni italiani ed europei si sono confrontati con personalità e leader di aziende americane sulle opportunità di scambio e investimenti tra Italia e Stati Uniti.

“Le partnership tra grandi imprese, investitori e startup – ciascuno con la specificità del proprio ruolo – sono fondamentali per lo sviluppo, anche in Italia, di un ecosistema di innovazione paragonabile a quelli che si sono già affermati con successo in altre realtà internazionali”. Jeffrey Hedberg, ceo di Wind Tre ha acceso i riflettori sull’importanza dell’innovazione made in Italy in occasione dell’iniziativa Best Scholarship e Open Innovation – presentata da Fernando Napolitano, Ad della Italian Business & Investment Initiative e chairman del Best Steering Committe, e da Eduardo Montefusco, Presidente di Rds – durante la quale sono stati presentati i vincitori del Best Program, borsa di studio per gli italiani di talento sotto i 35 anni di età con idee innovative.

“I programmi come Best che aprono le startup italiane agli investitori internazionali – ha aggiunto il numero uno di Wind Tre – consentono a molti giovani italiani di poter affermare con successo le loro idee innovative”.

Il tema delle partnership è molto caro all’Ad di Wind Tre che lo ritiene determinante anche e soprattutto per lo sviluppo del 5G. “Le partnership tra pubblico e privato sono fattori cruciali per l’innovazione e la trasformazione digitale”, aveva detto dal palco del Time Warner Center di New York in occasione dell’ottava edizione dell’“International Business Exchange”, dove ceo e rappresentanti di istituzioni italiani ed europei si sono confrontati con personalità e leader di aziende americane sulle opportunità di scambio e investimenti tra Italia e Stati Uniti.

 

Fonte: CorCom

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *