Mille attacchi hacker in un anno a siti istituzioni

Mercato nero banche dati sul web, ogni italiano vale 2 euro.

Hacked

La sala operativa della polizia postale si trova a gestire in media un migliaio di attacchi informatici ogni anno nei confronti di servizi internet relativi a siti istituzionali e infrastrutture critiche informatizzate di interesse nazionale. Lo dichiara la polizia postale, citando l'analisi dei numeri del rapporto Clusit 2018 sulla sicurezza Ict (Information and Communication Technology) in Italia.

I dati di un semplice cittadino valgono in media due euro. E' quanto emerge dall'analisi dei tariffari del mercato nero delle banche dati sui forum hacker, anche italiani, nel dark web. I dati, sottratti durante gli attacchi informatici ai siti che a vario titolo detengono le informazioni personali, vengono venduti in pacchetti di migliaia di identità dietro il pagamento in criptmonete o ricariche su conti correnti. Il prezzo, però, spiegano gli investigatori, può variare anche dai tipi di soggetti e dal tipo di informazioni rubate e rivendute.

Anche se la maggior parte dei 'blackmarket' presenti in rete contengono informazioni su carte di credito statunitensi, nell'83% dei casi ci sono anche dati su carte di credito italiane. Ed esiste un vero e proprio listino: i dati completi compresi di 'cvv' vanno dai due ai sei euro mentre una completa identità (compresa di codice conto, carta di credito e altri codici bancari) raggiunge i 18 euro, un account Paypal verificato può arrivare ad essere venduto anche 500 euro, un account Skype 12 euro e per la compromissione di un semplice computer vengono chiesti 20 euro.

Fonte: Ansa TLC

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *