Noitel porta la fibra nelle case: accordo con Open Fiber

La controllata Clouditalia diventa provider autorizzato a livello nazionale sull’Ftth. L’Ad Andrea Perocchi: “Pronti a raccogliere la sfida dell’Europa e a collaborare per dare nuovi impulsi all’industria e ai servizi Tlc”.

NPortare la fibra ottica fino alle case degli italiani, consentendo loro di navigare al massimo delle prestazioni: è l’obiettivo dell’accordo wholesale siglato da Noitel Italia con Open Fiber, grazie al quale la controllata Clouditalia diventa provider autorizzato a livello nazionale del servizio.

La società guidata da Andrea Perocchi, si legge in una nota, migliora così i propri servizi attraverso la tecnologia Gpon Ftth (Fiber To The Home), la più veloce in circolazione perché composta da cavi in fibra durante tutto il percorso (incluso il tratto che va dalla centralina alla sede del cliente), consentendo di navigare fino a 1 Gigabit al secondo.

“Valorizzare la tecnologia Fiber in Italia e rendere fruibile il servizio in tempi rapidi ai nostri clienti sono gli obiettivi del 2018 – afferma Andrea Perocchi, Ad di Noitel Italia – Siamo pronti a raccogliere la sfida dell’Europa e a collaborare con operatori qualificati come Open Fiber per creare una rete sempre più all’altezza dell’economia del Paese, dando nuovi impulsi all’industria e ai servizi Tlc. I vantaggi di questa tecnologia sono enormi. Basti pensare che sarà possibile vedere un film in HD e, nello stesso momento, caricare foto nonché avviare sistemi legati alla domotica, senza interruzioni di servizio. Per i clienti business saranno disponibili, inoltre, servizi di smart working, formazione a distanza, gestione efficienza energetica”.

“Sosteniamo con forza Noitel Italia nel progetto di investimento sulla fibra che punta, al contempo, a un rafforzamento dell’attuale rete proprietaria di Clouditalia di ben 15.000 km – aggiunge Marco Iannucci, Ad Clouditalia – Siamo altresì determinati a creare sempre più valore alla nostra offerta Tlc, integrando i servizi all’interno del Gruppo e acquisendo nuove quote di mercato”.

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *