Più banda ultralarga a Torino, rinnovato l’accordo Comune-Open Fiber

Approvata dalla giunta la convenzione per la prosecuzione del piano di realizzazione di una rete ultrabroadband. Copertura per 150mila nuove unità immobiliari, investimento di 50 milioni. L’assessora all’Innovazione Paola Pisano: “La connessione veloce base di innovazione”. Guido Garrone (Open Fiber): “Rafforziamo il nostro contributo nel trasformare la città in una vera smart city”.

TorinoAccordo tra Torino e Open Fiber per l’implementazione dell’infrastruttura della banda ultralarga nel territorio. L’intesa, approvata oggi dalla Giunta comunale, prevede l’utilizzo gratuito di fibre, cavidotti e infrastrutture comunali, con l’impegno della Città a coordinare le modalità di utilizzo nel caso in cui tali beni siano in concessione o di proprietà di soggetti terzi riconducibili alla Città stessa. In 3 anni Open Fiber ha portato la fibra a 350mila unità immobiliari con investimento pari a 120 milioni.Con il nuovo accordo l’azienda investe ulteriori 50 milioni per portare la copertura a 150mila nuove unità immobiliari.

L’amministrazione punta in questo modo “a favorire gli investimenti che qualificheranno ulteriormente il territorio – fa sapere in una nota – e miglioreranno sensibilmente le infrastrutture”.

“Con questa delibera – sottolinea l’assessora all’Innovazione Paola Pisano – continuiamo l’alleanza tra città e Open Fiber per aumentare gli investimenti su altre 150mila unità immobiliari e 50 milioni di investimenti. Ancora una grande attenzione verso l’innovazione per fare di Torino la città più connessa d’Italia. La connessione veloce è la base di qualunque innovazione: la nostra città oggi più che mai ha l’obiettivo di attrarre innovazione per creare un esperienza di vita unica ai cittadini che vivono e visitano la città. Per questo aziende come Open Fiber diventano dei partner strategicamente unici per la nostra città”.

“C’è grande soddisfazione per il rinnovo della convenzione con l’amministrazione comunale di Torino – spiega Guido Garrone, direttore Network & Operations Cluster A e B di Open Fiber – un risultato figlio del modello vincente proposto qui dalla nostra società negli ultimi anni, che ha garantito ai cittadini una rete con prestazioni e livelli di velocità e affidabilità a prova di futuro. Il rinnovo è propedeutico ad un nuovo investimento, con cui intendiamo rafforzare il nostro contributo nel trasformare Torino in una vera Smart City, e per questo proseguiremo anche il progetto Riconnessioni, sottoscritto con la Fondazione per la Scuola Compagnia di San Paolo, per portare la fibra ottica in 350 scuole della città e dell’hinterland. Oggi per Open Fiber comincia una nuova sfida – conclude Garrone – per confermare Torino come la seconda città più cablata d’Italia dopo Milano, in un momento storico che vede la fibra ottica e la banda ultra larga sempre più fattori determinanti per il futuro del Paese, oltreché delle telecomunicazioni”.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *