Reti Tlc, Salvini esce allo scoperto: “Tutelare interesse nazionale e dati sensibili”

“L’accordo Italia-Cina sulla via della Seta non deve pregiudicare la sicurezza delle infrastrutture di telecomunicazioni”, sottolinea il ministro dell’Interno. Atteso il decreto sull’operatività del nuovo Centro di valutazione e certificazione nazionale.

Matteo Salvini

“L’interesse nazionale va tutelato, soprattutto quando si parla di telecomunicazioni e dati sensibili”: con queste parole il ministro dell’Interno Matteo Salvini interviene sulla questione della tutela delle reti di Tlc che sta tenendo banco da mesi a seguito dell’esplosione del “caso Huawei” a livello internazionale e in particolare delle pressioni del presidente Usa Donald Trump sui Paesi alleati affinché l’azienda cinese sia tenuta fuori dalla realizzazione delle reti 5G.

L’orientamento italiano sulla questione non è ancora stato ufficializzato anche se il Mise nelle scorse settimane ha smentito alcuni rumors di stampa relativi ad un’imminente messa al bando delle società cinesi: “Con riferimento agli articoli di stampa su una presunta messa al bando delle aziende Huawei e Zte dall’Italia in vista dell’adozione della tecnologia 5G, il Ministero dello Sviluppo Economico smentisce l’intenzione di adottare qualsiasi iniziativa in tal senso – si legge in una nota del Mise –.

La sicurezza nazionale è una priorità e nel caso in cui si dovessero riscontrare criticità – al momento non emerse – il Mise valuterà l’opportunità di adottare le iniziative di competenza”.

Il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ha inoltre istituito presso l’Iscti (Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazioni) il Centro di valutazione e certificazione nazionale (Cvnc) “per la verifica delle condizioni di sicurezza e dell’assenza di vulnerabilità di prodotti, apparati, e sistemi destinati ad essere utilizzati per il funzionamento di reti, servizi e infrastrutture strategiche, nonché di ogni altro operatore per cui sussiste un interesse nazionale”, si legge sul sito del Mise.

“Si tratta di una delle azioni qualificanti per la costruzione dell’architettura nazionale sulla sicurezza cibernetica, tracciata per la prima volta dal Dpcm del 24 del gennaio 2013”. Per l’operatività del Cvcn bisognerà però attendere il decreto applicativo che dovrà essere emanato dal direttore dell’Icsti.

 

Fonte: CorCom

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *