Wind Tre raccoglie i frutti delle sinergie: ebitda e margini in crescita

Il primo operatore mobile archivia il 2017 con margini in rialzo al 35,8%. Ricavi in contrazione ma pesa la forte competizione del comparto mobile. Il ceo Hedberg: “Continueremo a differenziarci sul mercato”.

JEFFREY HEDBERG

Ebitda in crescita dell’1,2% a 2.211 milioni di euro. Margini in rialzo al 35,8% (+200 bps). Generazione di cassa per 954 milioni. Questi i principali numeri del 2017 di Wind Tre.

Nonostante la forte competitività nel settore mobile e una contrazione dei ricavi, in calo del 4,5% a quota 6.182 milioni di euro (l’internet mobile però ha registrato un’impennata del 13,4%), le sinergie derivanti dalla fusione hanno dato dunque i loro positivi frutti. In dettaglio il primo operatore mobile italiano ha registrato sinergie per circa 167 milioni di euro (OpEx), in linea con i target . E la proiezione a regime è di circa 260 milioni di euro.

“Nonostante la continua pressione competitiva sui prezzi nel corso del 2017, Ebitda e margini sono in crescita, a conferma dell’importanza del nostro forte e costante focus sulla riduzione dei costi e sul raggiungimento delle sinergie – commenta il ceo Jeffrey Hedberg -. E questo focus ha caratterizzato il primo anno del nostro processo di integrazione”. In linea con i piani previsti “gli investimenti per la modernizzazione della rete e dei sistemi ci hanno consentito di realizzare un chiaro miglioramento della qualità, della copertura e velocità di connessione”, continua il numero uno dell’azienda. E grazie agli investimenti in efficienza e innovazione, “continueremo a differenziarci sul mercato, con una grande attenzione sulla ‘customer experience’ nei segmenti consumer e business. Le nostre priorità strategiche continueranno ad essere la crescita della qualità di tutti i nostri touchpoint, la convergenza fisso-mobile e il rafforzamento nel B2B”.

Nel mese di ottobre – puntualizza l’azienda – è stata completata con successo l’operazione di rifinanziamento dell’intera struttura del capitale che ha consentito di ridurre il costo annuo per interessi dal 5,5% al 2,7% circa. “Tale operazione – si legge nella nota – oltre a ottimizzare il profilo delle scadenze del debito, consentirà un risparmio di oneri finanziari di circa 270 milioni di euro, su base annua, con un significativo miglioramento della generazione di cassa”.

Dati riepilogativi

Ebitda in crescita dell’1,2% è pari a 2.211 milioni di euro; in forte aumento il margine al 35,8%, +200 bps
Significative le sinergie del primo anno di integrazione: circa 167 milioni di euro di sinergie (OpEx), in linea con i target
Avviato con successo il consolidamento della rete mobile nelle principali città italiane
Ricavi internet mobile in crescita a doppia cifra: +13,4%
Sostanzialmente stabili i ricavi da servizi del fisso a 1.085 milioni di euro, +0,2%
Elevata la generazione di cassa operativa (EBITDA* – CAPEX) a 954 milioni di euro
Completata positivamente l’operazione di rifinanziamento dell’intera struttura del capitale con una riduzione del 50% dei costi annuali relativi agli interessi
Ricavi totali, pari a 6.182 milioni di euro, in flessione del 4,5%.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *