5G: dopo stop a Huawei, Ericsson e Nokia si contendono il business

Il colosso giapponese SoftBank, ha deciso di affidarsi a Nokia e a Ericsson per le tecnologie necessarie alle reti 5G, dopo l’isolamento messo in atto verso la società cinese Huawei.

Il mercato globale per le sole forniture di infrastrutture 2G, 3G, 4G e 5G viene stimato in circa 30 miliardi di dollari l’anno.

L’intesa raggiunta con il re dei carrier mobili SoftBank prevede che Nokia diventi partner strategico, Ericsson fornirà attrezzature di radio access networking (Ran).

Questa sfida accesa dall’esclusione dei grandi tech cinesi (Huawei e ZTE) ha assunto i contorni di un duello a suon di numeri: Ericsson ha affermato di aver finora ottenuto 18 contratti di swap di vecchie tecnologie rivali a vantaggio delle proprie soluzioni di 5G. Tra gli ultimi esempi, un upgrade al 5G di tecnologie che in precedenza e per dodici anni consecutive erano state di Huawei in Danimarca.

Nokia ad oggi ha siglato il doppio dei contratti rispetto ad Ericsson e, rimpiazzato alcune attrezzature Huawei. Ericsson, da parte sua, replica di non riconoscere le rivendicazioni e statistiche di Nokia.

Negli USA, mercato ad oggi più promettente per quanto riguarda il 5G, Nokia la scorsa estate aveva conquistato un contratto 5G dal valore di 3,5 miliardi di dollari da T- Mobile US.

Ericsson ha contrattaccato aggiudicandosi un contratto di nuova generazione, dal valore non specificato, con la US Cellular Corp.

Nokia ha accusato la rivale nordeuropea di aver scatenato una guerra al ribasso sui prezzi per strappare business. Il basso costo è stato citato tra le ragioni della scelta a favore di Ericsson da parte della Us Cellular come anche da Wind Tre.

Ma a contendersi il mercato non sono solo Ericsson e Nokia. Dall’orizzonte asiatico, Samsung colosso tech, sta ampliando rapidamente la quota di mercato nelle tecnologie per le reti mobili guadagnando sempre più potere.

FONTE

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *