5G e rischio cybersecurity, non c’è soltanto Huawei

Le telco messe in guardia dalla crescente dipendenza dai fornitori di apparati nel 5G. Software, virtualizzazione delle reti e network slicing portano con sé nuove problematiche.

5G

Visto che l’ultimo report della Commissione Ue sulla sicurezza del 5G mette in guardia dalle interferenze dei paesi extra Ue, è comprensibile che per gli osservatori del settore il vero soggetto nel mirino sia in realtà Huawei.

E fino ad un certo punto sicuramente è così, ma non del tutto perché oltre al fornitore cinese sulla bocca di tutti c’è molto altro nel report al di là dei timori suscitati dal vendor asiatico.

Perché in generale il 5G in generale renderà gli operatori Tlc più legati e dipendenti dai produttori di apparati di quanto non accada per altre precedenti tecnologie di comunicazione mobile, come sottolineato dal report ‘EU coordinated risk assessment of the cybersecurity of 5G networks’.

Il rapporto ha l’obiettivo di aiutare i paesi membri a preparare una serie di contromisure pratiche per mitigare entro la fine di quest’anno i rischi del 5G.

Inoltre, le nuove caratteristiche tecniche del 5G, che vanno dal maggior ricorso al software alla virtualizzazione, allo slicing dello spettro al mobile fino all’edge computing, solleveranno nuove sfide in termini sia di mutamento delle vulnerabilità di rete sia di coinvolgimento di nuovi soggetti.

In parole povere, per le telco sarà più complesso gestire la security delle reti nel suo complesso perché la supply chain sarà più ampia, con nuovi player che ne entreranno a far parte, come ad esempio integratori, service provider e fornitori di software.

Player nuovi sempre più coinvolti nell’architettura e manutenzione di ampie parti del network.

Un trend che intensificherà i rapporti degli operatori mobili con questi nuovi fornitori di terze parti, sottolinea il report.

Ma con il crescere della dipendenza, aumenta anche il pericolo di potenziali attacchi.

Gli stati extra Ue sono considerati la minaccia principale per le reti 5G europee, si legge nel rapporto, e in questi contesto il profilo individuale di esposizione a interferenze extra europee dei singoli fornitori diventa sempre più delicato.

Con EricssonNokia e Huawei che di fatto si dividono la maggior parte delle commesse di rete mobile a livello globale, sembra troppo facile puntare il dito soltanto sull’azienda cinese.

Ma ci sono altri fornitori di attrezzature da considerare. Il report, che cita Huawei come un fornitore di grandi dimensioni, parla anche di CiscoSamsung e ZTE come altri fornitori. E nessuno di questi è basato in Europa.

Fonte: Key4Biz

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in: