5G, via libera alla fusione Inwit-Vodafone Towers per condividere la rete mobile

L'operazione consentirà alla società delle torri del gruppo Tim e a Vodafone di condividere la rete mobile 5G in Italia. L'operazione, che porterà a riunire le 22 mila torri delle due aziende nella Penisola sotto Inwit, farà nascere la più grande tower company italiana.

di Luigi Garofalo | Key4Biz

Tim-Vodafone-Inwit-accordo-5G

Il cda di Inwit ha approvato il progetto di fusione con l’incorporazione di Vodafone Towers nella società del gruppo Tim. L’operazione consentirà alla società delle torri del gruppo Tim e a Vodafone di condividere la rete mobile 5G in Italia.

Nella nota si legge che, all’esito della fusione, Tim e Vodafone Europe deterranno una partecipazione paritetica (37,513%) nel capitale sociale di Inwit, guidata dall’Ad Giovanni Ferigo, che ha convocato un’assemblea straordinaria per il 19 dicembre, nella quale avverrà la deliberazione sul progetto di fusione Inwit-Vodafone Towers come delineato.

Cosa prevede l’accordo per la più grande Towerco in Italia

Le due società hanno firmato lo scorso luglio un accordo per costruire insieme l’infrastruttura 5G. L’obiettivo è uno sviluppo più efficiente e rapido e a un costo più basso della nuova tecnologia.

L’intesa prevede che tutte le 22mila torri di trasmissione dei due gruppi verranno riunite sotto Inwit, la società controllata al 60% da Tim a cui fanno già capo le apparecchiature della compagnia italiana.

L’operazione che porterà a riunire le 22 mila torri delle due aziende nella Penisola sotto Inwit farà nascere la più grande tower company italiana.

Inwit ha convocato per il 19 dicembre l’assemblea degli azionisti per approvare, in sede straordinaria, l’operazione di incorporazione di Vodafone Towers e in sede ordinaria la nomina di due consiglieri e il dividendo straordinario di 0,5936 euro per ciascuna delle azioni ordinarie di Inwit in circolazione post fusione, per complessivi 570 milioni di euro.

All’approvazione dei soci il 19 dicembre saranno sottoposte anche la nomina di Piergiorgio Peluso, come presidente, e Carlo Nardello, consigliere.

La nota precisa, infine, in merito alla governance di Inwit post fusione, che a seguito delle dimissioni da tutti i membri del consiglio di amministrazione di Inwit in data 26 luglio 2019, si procederà alla nomina di un nuovo consiglio di amministrazione da parte di un’ulteriore assemblea dei soci di Inwit, in forma ordinaria e con effetto alla data di efficacia, subordinatamente all’approvazione della fusione.

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *