Ftth al decollo: a fine 2020 la fibra in un terzo delle unità immobiliari

EY stima l’evoluzione dell’infrastrutturazione tenendo conto della crescente necessità di banda ultralarga a seguito dell’emergenza Coronavirus. La realizzazione delle nuove reti sta riguardando soprattutto i comuni fra i 10mila e i 100mila abitanti. Il Nord Ovest l’area più cablata.

fibra ottica

Di M. Fiordalisi - Direttore CorCom

A che punto è la diffusione della banda ultralarga in Italia?

La fibra sta avanzando oppure la strada è ancora in salita?

In questo momento fondamentale per la tenuta delle reti e la spinta all’ultrabroadband, EY ha deciso di scattare la fotografia, la più aggiornata possibile, andando ad analizzare lo stato di avanzamento dei progetti nel nostro Paese e mettendo a confronto la modalità Ftth con quella misto rame-fibra, alias l’Fttc.

Stando a quanto emerge la banda ultralarga in modalità Ftth nel 2019 ha fatto un balzo in avanti in particolare nei comuni di grandi e medie dimensioni – e dunque nelle cosiddette aree nere in cui la competizione di mercato resta fiorente – raggiungendo circa un quarto delle unità immobiliari totali.

La copertura complessiva Ftth nel 2019 è passata al 23% dal 18% del 2018 raggiungendo 6,8 milioni di unità immobiliari. E il dato aggregato Fttx (fibra e fibra-rame) si attesta all’80% di copertura della popolazione pari a un incremento di tre punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Ma se l’Ftth risulta presente in poco più di 200 Comuni, l’Fttc è disponibile in oltre la metà del comuni italiani. Naturalmente le performance in termini di capacitò di banda non solo le stesse: se la fibra Ftth consente la connettività fino a 1 Giga al secondo, l’Fttc si ferma ai 200 Mega.

A livello territoriale, la rete Ftth è presente in quasi il 30% delle unità immobiliari del Nord Ovest, e per un quinto di quelle di Nord Est, Sud e Isole. Il centro, grazie principalmente all’infrastrutturazione di Roma, ha raggiunto il 24% di copertura.

Se nei grandi comuni la copertura risulta pari all’85%, nel corso del 2019 è aumentata in particolare l’infrastrutturazione nei comuni di medie dimensioni. E l’incremento maggiore si è registrato nelle realtà fra i 10mila e i 100mila abitanti.

Secondo le stime di EY di qui ai prossimi mesi si amplierà ulteriormente la copertura dei servizi in fibra Ftth che raggiungerà circa un terzo delle unità immobiliari. E crescerà anche la copertura a livello comunale.

“Il 2020 sarà a nostro avviso l’anno in cui si amplierà in modo consistente il numero dei comuni coperti e i servizi Ftth raggiungeranno anche quelli di dimensioni più piccole consentendo così anche in queste aree di usufruire di un servizio ad altissime performance – commenta Fabio Dotti, Advisory Med Tmt Leader di EY – In questa situazione di emergenza, con l’adozione della modalità di lavoro smart working da parte di una consistente quota di lavoratori, l’occupazione delle reti sta diventando molto alta e disporre di una maggior capillarità sul territorio di connessioni Ftth permetterebbe di migliorare l’attività lavorativa da remoto”.

IL REPORT DI EY

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *