IIoT: paradigma in crescita ma la paura per la sicurezza aumenta

Con l’avvento dell’Internet Of Things nascono anche le tecnologie dell’Industrial Internet Of Things (IIoT). Ad oggi queste tecnologie sono già mature e pronte per essere utilizzate nel mondo dell’Industria 4.0.

iot

Ciò che blocca l’utilizzo di queste tecnologie da parte delle imprese, è la paura della non garanzia di livelli di cyber security o privacy adeguati.

Poter contare sulla sicurezza dei dati relativi ai processi produttivi o di gestione dell’impianto, è fondamentale per l’industria e, allo stesso tempo il valore economico degli attacchi informatici andati a buon fine è in continua crescita.

Gli attacchi possono avere due finalità: l’intercettazione dei dati provenienti dagli impianti per poi sfruttarli economicamente e le azioni di sabotaggio sui nodi di rete e sugli impianti stessi.

Per attaccare i sistemi vengono sfruttate delle lacune di sicurezza dei sistemi informatici stessi.

L’attacco può andare più in profondità e avere per oggetto il sistema di comunicazione tra l’impianto e il luogo dove sono elaborati i dati. In questo caso, potenzialmente molto più pericoloso, per arginare il problema c’è bisogno di un approccio IIoT che preveda l’adozione di opportune architetture di rete e di protocollo resilienti rispetto agli attacchi informatici.

L’adozione del paradigma IIoT consente il monitoraggio da remoto degli impianti, il loro controllo e la manutenzione preventiva. Ciò presuppone di dotare le macchine di una moltitudine di sistemi a sensore (e di attuatori se l’obiettivo è di controllo, non solo di monitoraggio) connessi a Internet. Per quanto possibile ciò avviene mediante tecnologie wireless, per ridurre ingombri e problemi logistico-gestionali, nonché per dotare di connettività anche pezzi in movimento,

“La connessione a Internet avviene tradizionalmente con una rete suddivisa su tre livelli:

quello locale, dove una tecnologia di breve raggio permette la raccolta dei dati dai sensori collocati sulle macchine verso un concentratore collocato nei pressi dell’impianto;

quello di lungo raggio, che consente la connessione del concentratore locale ad un punto di accesso Internet (spesso non disponibile in prossimità degli impianti);

quello globale consentito dalla rete Internet.”

Fonte

Sono molte le tecnologie wireless disponibili, rivolte specificatamente all’IoT: gli standard Bluetooth, WiFi, Zigbee, 6lowPAN ed altri, i sistemi proprietari come LoRa, Sigfox, le soluzioni offerte dagli operatori mobili basate su LTE-M o NB-IOT. Nell’ottica dell’analisi rivolta al livello locale e dell’IIoT, i sistemi di maggior successo (attuale) sono Zigbee e il WiFi.

Leggi l’articolo completo. Clicca qui!

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *