Il neo Presidente del Parlamento Ue David Sassoli: “Rivoluzione digitale ha bisogno di regole”

Riflettori sulla digital transformation: “Necessario coniugare progresso tecnologico, sviluppo delle imprese e tutela del lavoratori e delle persone”.

david sassoli

La rivoluzione digitale sta cambiando in profondità i nostri stili di vita, il nostro modo di produrre e di consumare.

Abbiamo bisogno di regole che sappiano coniugare progresso tecnologico, sviluppo delle imprese e tutela del lavoratori e delle persone”: questo uno dei passaggi chiave del discorso in Plenaria a Strasburgo del neo presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

Eletto con 345 voti al secondo scrutinio il deputato europeo – rieletto nelle liste del Pd (gruppo S&D) a maggio scorso – resterà in carica fino a gennaio del 2022.

“Siamo immersi in trasformazioni epocali: disoccupazione giovanile, migrazioni, cambiamento climatici, rivoluzione digitale, nuovi equilibri mondiali, solo per citarne alcuni, che per essere governate hanno bisogno di nuove idee, del coraggio di saper coniugare grande saggezza e massimo d’audacia”, ha detto Sassoli.

Il neo presidente del Parlamento europeo ha anche evidenziato la necessità di un rilancio “del nostro modello di economia sociale e di mercato”.

“Le nostre regole economiche devono saper coniugare crescita, protezione sociale e rispetto dell’ambiente. Dobbiamo dotarci di strumenti adeguati per contrastare le povertà, dare prospettive ai nostri giovani, rilanciare investimenti sostenibili, rafforzare il processo di convergenza tra le nostre regioni e i nostri territori”.

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *