IoT: le diverse applicazioni per le aziende

L’IoT è sempre più protagonista soprattutto smart city, smart building e smart mobility. Per realizzare questo bisogna poter contare su una connettività efficiente.

Siamo ormai nell’era digitale e i vantaggi di questa rivoluzione non sono pochi. Sono molte le aziende che hanno deciso di abbracciare l’IoT.

Per rendere concrete tutte queste forme di innovazione si deve fare riferimento alla connettività degli oggetti e alle nuove possibilità che la connettività, anche da cellulare abilita anche per le aziende.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di oggetti connessi che permettono di risparmiare e rendere più efficienti i servizi.

Facciamo alcuni esempi. Se una utility connettesse i propri contatori potrebbe accedere in tempo reale ai dati trasmessi. Questo aiuta sia a migliorare il servizio offerto agli utenti, razionalizzando i processi di business e differenziare le offerte in base alle abitudini di consumo, con offerte commerciali tailor made.

Connettere i contatori vuol dire azzerare le spese per la lettura, che viene automatizzata e da remoto. Anche le politiche di prezzo, le tariffe e le offerte possono essere considerate con precisione e in base alle esigenze stagionali.

Nel campo della logistica, l’utilizzo dell’IoT permette di monitorare in tempo reale gli spostamenti delle merci e razionalizzare la propria attività proteggendo i carichi. Dotando infatti di connettività cellulare le unità di carico e trasporto si può monitorare da remoto ogni spostamento, riducendo in questo modo i rischi, contenendo le spese, per creare nuove opportunità di guadagno.

Nel campo dei trasporti, l’Internet delle Cose può rivelarsi decisivo per i mezzi: nella gestione delle flotte i dati in tempo reale sono sinonimo di opportunità di business, di efficienza nella programmazione degli spostamenti, di contenimento delle spese, evitando percorsi inutili, permettendo maggiori guadagni. Allo stesso tempo analizzare i dati della propria flotta in tempo reale può fornire le soluzioni utili a non avere anche qui “tempi morti” e ad allungare la vita media dei mezzi grazie alla manutenzione predittiva.

FONTE

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *