La crisi non fermerà gli investimenti in IT

Manageritalia, CFMT (Centro di Formazione Management del Terziario) e AstraRicerche hanno condotto uno studio con lo scopo di capire in che modo reagiranno le imprese nostrane alla crisi creata dalla pandemia di Coronavirus (SARS-CoV-2).

Investimenti IT

Sotto la lente d'ingrandimento dei ricercatori vi è stata in particolare la propensione delle imprese a investire in soluzioni ITC.

Nella maggior parte dei casi il campione sondato avrebbe affermato che con tutta probabilità si assisterà ad un forte decremento del fatturato, il 90% dei manager intervistati sarebbero infatti sicuri che difficilmente si potrà tornare in breve tempo ai livelli di ricavo precedenti l'emergenza. Nonostante ciò è più che probabile che la spesa in tecnologie innovative sia destinata ad aumentare.

Ma come si muoveranno i dirigenti d'azienda per fronteggiare il calo del giro d'affari?

Secondo il 42% del campione si dovranno adottare politiche espansive volte a revisionare notevolmente il funzionamento delle value chains, il 40% avrebbe espresso l'intenzione di intensificare gli investimenti in marketing mentre un 30% prevedrebbe modifiche anche sostanziali a carico del business model adottato.

Tra le altre strategie citate vi sarebbero anche quelle riferite all'offerta di una maggiore scontistica su prodotti e servizi in promozione (26%), a una riorganizzazione della logistica (24%) e a iniziative rivolte alle aree che hanno subito danni minori dal punto di vista sociale ed economico.

Comunicazioni, eventi, formazione e consulenza sarebbero gli ambiti in cui le imprese si starebbero dimostrando più propense a investire.

Soltanto il 2% dei manager coinvolti nella rilevazione avrebbe paventato l'ipotesi che la propria azienda possa operare dei licenziamenti, è invece più probabile che nel breve periodo si assista a un calo delle assunzioni (33%), al mancato rinnovo dei contratti in scadenza (24%) e alla chiusura di alcune filiali (possibilità citata solo nel 3% dei casi).

Fonte: MrWebmaster

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *