Samsung: conclusi i test sulla sicurezza dei passeggeri nelle stazioni giapponesi grazie al 5G

Anche la sicurezza si reinventa grazie a l’utilizzo del 5G. Gli ultimi aggiornamenti in questo campo giungono dal Giappone. L’operatore di telecomunicazioni giapponese KDDI e Samsung Electronics hanno affermato, tramite comunicato stampa, di aver completato i test del 5G relativi alle trasmissioni in real time di video sorveglianza in 4K e Ultra HD.

Ai test hanno partecipato anche altri partner tra i quali l’Università di Waseda, l’Istituto internazionale di ricerca avanzata delle telecomunicazioni e la Kehin Corporation.

La tecnologia utilizzata, oltre a l’uso di video Ultra HD in 4K, è il 5G. Le trasmissioni in real time di video sorveglianza saranno utilizzate per aumentare la sicurezza dei passeggeri che utilizzano le ferrovie di Tokyo.

Il periodo di sperimentazione si è svolto tra il 21 novembre e il 21 dicembre presso il terminal internazionale dell’aeroporto di Haneda a Ota.

Yoshiaki Uchida, membro del consiglio di amministrazione e vicepresidente esecutivo presso KDDI ha affermato:

C’era un’esigenza specifica con questo progetto di fornire video di alta qualità in modo sufficientemente solido da poter essere utilizzato su una rete di trasporti a Tokyo. Era quindi imperativo lavorare con Samsung, un’azienda con cui abbiamo una relazione esistente sul 5G, così come altri partner fidati per offrire una soluzione che aiuti il ​​sistema ferroviario a fornire un servizio migliore nell’era dei 5G”.

Paul Kyungwhoon Cheun, Vicepresidente esecutivo e Head of Networks Business di Samsung Elettronics, afferma che lavorare sulla sicurezza richiede un ristretto margine di errore. Creare un servizio in grado di sfruttare al massimo l’alta velocità di connessione offerta dal 5G era la priorità delle aziende che hanno collaborato. Proprio l’alta velocità consente delle immagini più chiare e in tempo reale, diminuendo i possibili errori.

Altro vantaggio nell’utilizzo del 5G è quello di trasferire una quantità di dati video di grandi dimensioni impossibili da ottenere con i mezzi di comunicazione oggi utilizzati.

Grazie a questi video in 4K, sarà possibile riconoscere potenziali pericoli e incrementare il generale livello di sicurezza. Il test ha anche mostrato la possibilità di rivelare persone o oggetti sospetti, grazie alla raccolta e all’analisi dei file ricevuti, dopo essere stati raccolti dalle telecamere di sicurezza.

I compiti nello svolgimento del test sono stati divisi tra i tre. In particolare, Samsung si è occupata del 5G; KDDI ha svolto la funzione di responsabile della valutazione e della progettazione dell’ambiente di sperimentazione del 5G presso la stazione ferroviaria; infine, la Waseda University ha offerta la strumentazione relativa al sistema di monitoraggio, alla valutazione video e i visori VR.

Fonte

 

 

 

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *