Superbonus 110%, detrazione anche per lavori di domotica

L'agevolazione fiscale per interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico riguarda anche l'automazione della casa.

smart-home-casa-domotica

Installazione di dispositivi e sistemi di “building automation” cioè di gestione automatizzata degli impianti dentro casa: tra il lavori previsti nel Superbonus 110% c’è anche la domotica, vale a dire il campo di tutti quei dispositivi tecnologici che integrati tra di loro permettono l’evoluzione digitalizzata della vita dentro casa.

Superbonus 110% anche per lavori di domotica: i requisiti per la detrazione

Lo prevede l’art. 2, punto f) del decreto “requisiti tecnici per la fruizione dell’agevolazione del Superbonus 110%” messo a punto dal ministero dello Sviluppo economico insieme con il ministero dell’Economia e dellle Infrastrutture e trasporti.

All’interno delle agevolazioni fiscali previste dalla legge di conversione del decreto Rilancio, che ha introdotto l’aliquota di detrazione del 110% per i lavori di efficientamento energetico degli edifici, sono infatti previsti gli interventi e i dispositivi da installare all’interno delle abitazione che rientrano nell’ambito della “building automation”.

Dal riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria, alla climatizzazione estiva, attraverso il loro controllo da remoto su canali multimediali, sono svariate le applicazioni della domotica soprattutto in ottica di sostenibilità energetico e risparmio delle emissioni.

Per essere considerati interventi nel campo della “building automation”, l’istallazione della rete di dispositivi automatizzata dovrà rispettare i seguenti criteri sul piano tecnico:

  • mostrare attraverso canali multimediali i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati;
  • mostrare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti;
  • consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto.

Superbonus 110% anche per lavori di domotica: i documenti richiesti

L’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, che fa a capo al ministero dello Sviluppo, avrà poi il compito di effettuare controlli a campione sul rispetto del requisiti per accedere alla detrazione fiscale.

Saranno infatti professionisti abilitati tramite l’ente a verificare casa per casa le condizioni di ammissibilità all’agevolazione tramite procedure e modalità standardizzate sui dati delle prestazioni energetiche.

Verrà richiesto eventualmente ai beneficiari di presentare tutta la documentazione utile e per questo viene raccomandato di conservare, come per tutte gli interventi previsti dal provvedimento, le schede di tipo tecnico e le carte di tipo amministrativo: come ad esempio dalla delibera condominiale di approvazione di esecuzione dei lavori per interventi sulle parti comuni, alle fatture delle spese sostenute e ricevute dei bonifici.

Le spese ammissibili nella richiesta dell’incentivo comprendono:

  • la fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche nonché delle opere elettriche e murarie necessarie per l’installazione e la messa in funzione a regola d’arte, all’interno degli edifici, di sistemi di building automation degli impianti termici degli edifici. È escluso l’acquisto di dispositivi che permettono di interagire da remoto con le predette apparecchiature, quali telefoni cellulari, tablet e personal computer ecc.;
  • le prestazioni professionali (produzione della documentazione tecnica necessaria, direzione dei lavori ecc.).
Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *