Superbonus 110%, per la detrazione conta la tipologia di immobili a inizio lavori

superbonus 110

Superbonus 110%, per stabilire se si ha diritto alla maxi detrazione conta la tipologia di immobili a inizio lavori. A chiarirlo è l'Agenzia delle Entrate con la risposta all'interpello numero 15 del 7 gennaio 2021. L'occasione è anche utile per ribadire le caratteristiche e le differenze del condominio e dell'edificio unifamiliare o unità immobiliare funzionalmente indipendente.

Superbonus 110%, per verificare se è possibile beneficiare della maxi detrazione bisogna considerare la tipologia degli immobili oggetto degli interventi a inizio lavori, e non dopo.

Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 15 del 7 gennaio 2021. Lo spunto arriva dall’analisi di un caso pratico ed è utile anche per ribadire alcune caratteristiche chiave, e differenze, tra condomini ed edificio unifamiliare o unità immobiliari funzionalmente indipendenti.

L’agevolazione è stata prorogata dalla Legge di Bilancio 2021 fino al 30 giugno 2022, e fino al 2023 per i lavori già realizzati al 60%, e dall’Amministrazione finanziaria continuano ad arrivare piogge di chiarimenti sull’applicazione della normativa , in cui non è sempre così semplice orientarsi.

Superbonus 110%, per la detrazione conta la tipologia di immobili a inizio lavori

Una carrellata di delucidazioni sulla maxi detrazione del 110% è arrivata proprio nella giornata del 7 gennaio 2021.

Tra le altre risposte all’interpello dedicate al tema, la numero 15 affronta il caso di un contribuente che ha intenzione di intervenire su un immobile composto attualmente da 3 unità immobiliari disposte su due piani, riconducibili allo stesso proprietario e con ingresso comune.

Al termine della ristrutturazione si avrebbero due unità immobiliari da adibire a pima e seconda casa, completamente indipendenti, con accessi autonomi su giardini di proprietà, e con passaggio dalla classe energetica G alla AA2.

I due immobili che si otterrebbero al termine dei lavori, infatti, rispetterebbero i requisiti richiesti per l’accesso al superbonus introdotto dagli articoli 119 e 121 del Decreto Rilancio.

Il contribuente si rivolge all’Agenzia delle Entrate per avere conferma della possibilità di accedere alla maxi detrazione. Ma l’Amministrazione finanziaria pone il suo veto:

“Con riferimento alle detrazioni spettanti per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio e per interventi finalizzati al risparmio energetico, è stato precisato che nel caso in cui i predetti interventi comportino l’accorpamento di più unità abitative o la suddivisione in più immobili di un’unica unità abitativa, per l’individuazione del limite di spesa, vanno considerate le unità immobiliari censite in Catasto all’inizio degli interventi edilizi e non quelle risultanti alla fine dei lavori”.

In caso di accorpamento di più unità abitative, quello che conta è la situazione esistente all’inizio dei lavori e non quella che risulta dagli interventi: stessa regola va applicata anche per il superbonus.

Il documento sottolinea:

“L’istante non può accedere al Superbonus atteso che l’attuale configurazione dell’immobile di proprietà dello stesso non appare riconducibile né al concetto di condominio, né a quello di edificio residenziale unifamiliare o di unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti”.

L’unica strada percorribile è quella delle detrazioni ordinarie previste per gli interventi di riqualificazione energetica o di recupero del patrimonio edilizio per i quali spettano le detrazioni attualmente disciplinate dai citati articoli 14 e 16 del decreto legge n. 63 del 2013, in presenza dei requisiti richiesti.

Superbonus 110%, caratteristiche e differenze tra condominio ed edificio funzionalmente indipendente

Dopo una carrellata sull’impianto di regole di accesso al superbonus del 110% e alle modalità di fruizione, sconto in fattura e cessione del credito oltre alla detrazione diretta, l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 15 del 7 gennaio 2021 si concentra sulle caratteristiche che definiscono condominio ed edificio unifamiliare o unità immobiliari funzionalmente indipendenti.

Gli interventi ammessi all’agevolazione devono essere realizzati su:

  • parti comuni di edifici residenziali in condominio (sia lavori trainanti, sia trainati);
  • singole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze all’interno di edifici in condominio (solo trainati);
  • edifici residenziali unifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati);
  • unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno site all’interno di edifici plurifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati).

Già in passato l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il superbonus non si applica agli interventi realizzati sulle parti comuni a due o più unità immobiliari distintamente accatastate di un edificio interamente posseduto da un unico proprietario o in comproprietà fra più soggetti.

Tornando alle tipologie ammesse, il condominio è definito secondo la disciplina civilistica: la nascita del condominio si determina automaticamente, quando più soggetti costruiscono su un suolo comune ovvero quando l’unico proprietario di un edificio ne cede a terzi piani o porzioni di piano in proprietà esclusiva.

L’edificio unifamiliare, invece, ha le caratteristiche che seguono:

  • un’unica unità immobiliare di proprietà esclusiva;
  • funzionalmente indipendente;
  • con uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • destinato all’abitazione di un singolo nucleo familiare.

Fondamentale è l’indipendenza funzionale legata alla dotazione di “installazioni o manufatti di qualunque genere, quali impianti per l’acqua, per il gas, per l’energia elettrica, per il riscaldamento di proprietà esclusiva”.

Centrale è anche la presenza di un accesso autonomo dall’esterno che presuppone, ad esempio, l’esistenza di un accesso indipendente non comune ad altre unità immobiliari chiuso da cancello o portone d’ingresso che consenta l’accesso dalla strada o da cortile o giardino anche di proprietà non esclusiva.

Sulla base dei chiarimenti forniti, l’Agenzia delle Entrate sottolinea che l’immobile di al centro della risposta all’interpello, per come è strutturato a inizio lavori, non sembra riconducibile né al concetto di condominio, né a quello di edificio residenziale unifamiliare o di unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti e quindi non può avere accesso al superbonus del 110%.

Tutti i dettagli nel testo integrale della risposta all’interpello numero 15 del 7 gennaio 2021.

Agenzia delle Entrate - Risposta all’interpello numero 15 del 7 gennaio 2021
Superbonus - Situazione esistente all’inizio dei lavori - Articolo 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio).
Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *