Tangenti in Brasile, Tronchetti Provera: “Totale estraneità mia e di Telecom”

L’avvocato Marco De Luca precisa la posizione del manager: “La giustizia italiana nel 2014 ha accertato la totale estraneità della compagnia e del mio assistito a eventuali episodi di corruzione”.

TIM

“La giustizia italiana nel 2014 ha accertato la totale estraneità di Telecom e di Marco Tronchetti Provera a eventuali episodi di corruzione in Brasile.

Le investigazioni riferite da ‘La Stampa’ non riguardano in alcun modo Telecom né Tronchetti. La ricostruzione fatta dal quotidiano crea un collegamento scorretto e assolutamente ingiustificato anche dando spazio a vecchie testimonianze che la stessa procura ha ritenuto non credibili”.

Lo afferma Marco De Luca, avvocato di Marco Tronchetta Provera.  Al centro dell’articolo una presunta tangente, per un valore complessivo di oltre 35 milioni di euro, per conquistare il monopolio delle telecomunicazioni in Brasile.

La sesta Corte federale criminale del Brasile starebbe investigando su Naji Robert Nahas “per riciclaggio, corruzione passiva e attiva, dal 2002 al 2006”, quando Marco Tronchetti Provera guidava Telecom.

In passato la procura di Milano ha archiviato l’indagine per più motivi, come ricorda il legale.

L’archiviazione da parte della procura si fonda tra l’altro “sull’inesistenza di alcuna evidenza di pagamenti illeciti a chicchessia.

La procura aveva accertato che i pagamenti a favore di Naji Nahas erano finalizzati ad attività lecite, ed effettivamente svolte, e che non vi era una diretta consequenzialità temporale tra tali attività e le decisioni delle autorità brasiliane”, evidenzia il legale.

Emerge “l’evidenza che tali attività furono ‘supportate da una formale investitura contrattuale approvata dal consiglio di amministrazione dell’azienda’” e che le decisioni emesse dalle due Autorità brasiliane coinvolte dal presunto tentativo di corruzione (Anatel e Cade) “non furono prive di significative e sfavorevoli conseguenze per le posizioni di Telecom Italia, che fu costretta nel 2007 a cedere la propria partecipazione in Brasil Telecom”, oltre che “la totale assenza di riscontri alle affermazioni indirette e generiche dell’ex dipendente di Telecom, Fabio Ghioni”.

Tali elementi, dopo oltre 15 anni e “dopo innumerevoli accertamenti giudiziari e le relative sentenze, rendono grottesco l’ennesimo tentativo di coinvolgere Telecom, e Tronchetti, in ipotetiche attività di corruzione in Brasile. Tronchetti – chiude la nota del legale – si riserva ogni azione a tutela dei suoi diritti e della sua immagine”.

Le dichiarazioni di Giuliano Tavaroli

“La giustizia italiana ha fatto tutto quello che poteva o voleva fare. A distanza di 15 anni il Brasile si muove, forse vuole rispondere alle domande irrisolte della procura di Milano, ma sullo sfondo c’è un’altra partita.

Attenzione a parlare di mega tangente, si tratta di una consulenza approvata dal consiglio di amministrazione di allora di Telecom Italia. Mi farei anche un’altra domanda: che fine ha fatto questo denaro?”. Così Giuliano Tavaroli, ex capo della security del gruppo di tlc, interviene in un’intervista all’Adnkronos sulla notizia dell’indagine.

La novità ora è che i soldi sarebbero passati da una banca di New York e ammonterebbero a 35 milioni di euro. “Un passaggio da un conto a un altro che una società non dovrebbe permettere, un errore che lascia aperta alla procura la possibilità di lavorare all’ipotesi di corruzione contro Nahas”, aggiunge Tavaroli.

Un tassello inedito in questa storia, ma nulla cambia eventualmente sul piano processuale in Italia. “E una stranezza il passaggio su questo conto, ma stiamo parlando di archeologia giudiziaria”, taglia corto Tavaroli che fu il primo a parlare delle tangenti distribuite da Naji Nahas, definito un “finanziere spregiudicato”, a funzionari e politici nell’ambito della guerra con il finanziere Daniel Dantas per il controllo delle telecomunicazioni brasiliane.

L’inchiesta

Mega tangenti, per un valore complessivo che potenzialmente ha superato i 35 milioni di euro, finalizzate a conquistare il monopolio delle telecomunicazioni in Brasile.

E’ la campagna di corruzione che Telecom Italia avrebbe condotto tra il 2002 e il 2006, secondo i documenti ottenuti da La Stampa in cui si descrivono i dettagli dell’inchiesta, arrivata ora anche negli Stati Uniti. Il 12 dicembre 2019 il dipartimento alla Giustizia americano ha presentato una application alla United States District Court for the District of Columbia, ossia la capitale Washington, per l’incarico di un commissario allo scopo di soddisfare la domanda avanzata dal Brasile di ricevere aiuto nell’indagine.

 

La richiesta, riporta La Stampa, è stata fatta in base al trattato siglato dai due paesi nel 1997, per la reciproca assistenza nelle questioni criminali, e gli Usa l’hanno accettata.

Perciò il dipartimento alla Giustizia ha sollecitato la nomina come commissario di Teresita Mutton, avvocatessa della Criminal Division nell’Office of International Affairs del ministero. Ma su cosa dovrà indagare la Mutton, e perché la vicenda tocca direttamente l’Italia?

In base alle carte ottenute da La Stampa, “la Sesta Corte Federale Criminale del Brasile sta investigando sul finanziere Naji Robert Nahas per riciclaggio, corruzione passiva e attiva, dal 2002 al 2006″. In quel periodo Marco Tronchetti Provera guidava Telecom, e Silvio Berlusconi era a Palazzo Chigi. A Brasilia governava Cardoso, rimpiazzato poi da Lula all’inizio del 2003.

Secondo le autorità del paese sudamericano, riporta ancora il quotidiano, “Nahas ha usato le sue connessioni con il governo brasiliano per ottenere un trattamento di favore da parte della Brazilian National Telecommunication Agency (Anatel), e dall’Agenzia antitrust (Cade), per la compagnia italiana di telecomunicazioni Telecom Italia”. Cosa voleva di preciso l’accusato?

“Le prove accumulate nel corso dell’investigazione, inclusi gli interrogatori con i testimoni e le comunicazioni elettroniche, indicano che Nahas aveva convinto funzionari di Anatel e Cade a consentire che Telecom Italia vincesse un contratto per controllare un blocco di Brasil Telecom su base temporanea, nonostante essa fosse associata con il principale competitore di Brasil Telecom nel mercato delle telecomunicazioni, Tim Brasil.

Tale controllo era stato in precedenza rigettato dal Cade, per preoccupazioni di natura antitrust.

L’inchiesta, prosegue La Stampa, è già ben avviata, in entrambi i continenti coinvolti, e lo stesso Tronchetti era stato sentito negli anni scorsi.

“In una dichiarazione data alle autorità italiane, la cui copia è stata ottenuta da quelle brasiliane, il dipendente di Telecom Italia Fabio Ghioni ha ammesso che Telecom Italia aveva dato a Nahas approssimativamente 5,4 milioni di dollari da usare per corrompere i pubblici ufficiali brasiliani, allo scopo di ottenere il controllo di Brasil Telecom. Per legittimare il trasferimento di tali fondi, Ghioni ha ammesso anche che Nahas aveva fatto un accordo di consulenza con Telecom Italia”.

A questo punto entrano in scena gli Stati Uniti: “Le autorità brasiliane hanno ottenuto la copia di una ricevuta indirizzata da Nahas a Telecom Italia, per la ‘provvigione relativa a servizi di consulenza resi fuori dalla Repubblica Italiana’, ammontante a 100.000 dollari. La ricevuta dava direzioni a Telecom Italia affinché inoltrasse il pagamento sul conto corrente numero XX1070, aperto presso la Bank Audi di New York a nome di suo figlio, Robert Naji Nahas”.

Le dimensioni della corruzione però non si limitavano a queste cifre: “I record finanziari ottenuti dalle autorità italiane, che hanno condotto un audit dei conti bancari di Telecom Italia, rivelano che tra il 2 luglio del 2002 e il 31 ottobre del 2006, Telecom Italia ha trasferito 35.218.811 euro sul conto XX1070 della Audi Bank, intestato al figlio di Nahas, Robert Naji.

Le autorità brasiliane hanno confermato che né Nahas, né suo figlio, hanno dichiarato questo trasferimento, in violazione della legge. Le autorità brasiliane notano che data l’illegalità dell’accordo di “consulenza” di Nahas con Telecom Italia, il trasferimento probabilmente rappresentava fondi usati in seguito da Nahas per corrompere i pubblici ufficiali brasiliani”.

Da qui la domanda di assistenza agli Usa, affinché aiuti a fare chiarezza sul transito dei soldi dall’Italia attraverso New York: “Per far avanzare l’investigazione, le autorità brasiliane hanno chiesto agli Usa di fornire la documentazione bancaria relativa al conto numero XX1070, aperto presso la Audi Bank a nome o per il beneficio di Robert Naji Nahas”.

Il documento poi spiega le basi legali per cui l’amministrazione Trump ha ritenuto di accettare l’appello ricevuto dal governo guidato ora da Bolsonaro, e gli ampi poteri che avrà ora la commissaria Mutton per andare a fondo della questione, raccogliendo prove e ordinando gli interrogatori dei testimoni.

Telecom Italia nel frattempo ha cambiato leadership, affidata ora a Luigi Gubitosi, e proprietà, oggetto di una recente contesa fra Vivendi e il fondo Elliott dell’investitore americano Paul Singer. I suoi interessi in Brasile però sono rimasti, e ora finiranno sotto la lente degli investigatori americani, insieme ai metodi usati dalla compagnia per la sua presunta campagna di corruzione.

In Italia l’indagine su Tronchetti è stata archiviata nel 2014. “Sul denaro sicuramente corrisposto a Nahas, nonostante si collochi in un quadro complessivamente suggestivo, è carente la ricostruzione certa della destinazione ai fini della corruzione…”, scrivevano nel 2014 i pm incaricati dell’inchiesta per corruzione internazionale che vedeva imputato Marco Tronchetti Provera in qualità di presidente di Telecom, sospettato di aver corrotto attraverso il finanziere di origini libanesi Naji Nahas, funzionari e politici del governo brasiliano per ottenere il controllo di Telecom Brasil.

Vicenda per la quale alla fine, come si evince dalle motivazioni del gip Giuseppe Gennari, Tronchetti venne archiviato in quanto “i flussi di denaro hanno una possibile giustificazione lecita, e comunque non è dimostrabile che siano pervenuti a funzionari o politici stranieri”.

Fonte: CorCom

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in: