Tim-Open Fiber, il cerchio si stringe: in ballo solo la fibra

Nella nota che annuncia l’accordo di confidenzialità a tre (Tim-Enel-Cdp) emerge un chiaro perimetro d’azione: si parla esclusivamente di reti in fibra, nessun riferimento al rame che non si capisce che fine farà. Sul cammino della newco resta però il nodo antitrust. E bisognerà accordarsi sul “valore” di Open Fiber.

fibra ottica

Di M. Fiordalisi - Direttore CorCom

La notizia è nascosta fra le righe. E neanche tanto. Eppure in pochi se ne sono accorti. E non è una notizia da poco. La nota emessa  da Tim (a cui ha fatto seguito una conferma da parte di Enel) in cui è stata messa nera su bianco la sottoscrizione di un accordo di confidenzialità fra Tim, Cassa Depositi e Prestiti ed Enel per “avviare un confronto finalizzato a valutare possibili forme di integrazione delle reti in fibra ottica di Tim e Open Fiber, anche attraverso operazioni societarie”, non vuole solo mettere fine “al susseguirsi di indiscrezioni sugli organi di stampa” – così inizia la nota – né vuole comunicare meramente lo stato di avanzamento dei lavori sul “dossier” Tim-Open Fiber di cui si discute da mesi.

È nel passaggio “forme di integrazione delle reti in fibra ottica” che sta la quadra: non c’è più – o non ci sarebbe a giudicare dalla nota – in ballo lo scorporo della rete Tim, ossia di tutta la rete. Il cerchio dell’operazione si sta stringendo sulla fibra. L’obiettivo del confronto – si legge sempre sulla nota – “è di verificare la fattibilità dell’operazione, le relative modalità ed il perimetro di attività oggetto di un possibile accordo, in funzione della volontà delle parti e del quadro normativo e regolatorio di riferimento”.

Il perimetro dunque è la fibra, a partire da quella della newco Flash Fiber (che vede in campo Tim e Fastweb) che entra dunque “inevitabilmente” all’interno del dossier. Uno più uno fa due.

Mettere a fattor comune “solo” la fibra è una mossa che evidenzia precise ragioni: è sulla fibra che si concentra la nuova regolazione europea in termini di “benefici” sulle tariffe e le modalità di accesso wholesale. È sulla fibra che si decurtano le tariffe Agcom per favorire la migrazione dal rame. È sulla fibra che fa leva tutto il piano di Open Fiber, a partire da quello nelle aree bianche a seguito dell’aggiudicazione delle gare pubbliche, nodo da sciogliere sul fronte di chi sarà il nuovo “proprietario” dell’infrastruttura di rete per non creare squilibri di mercato e non “favorire” eventualmente soggetti non aggiudicatari (Tim ca va sans dire).

Se è vero dunque che il cerchio si sta stringendo e che ci si sta velocemente allontanando da quegli “accordi commerciali” – pur al momento ancora in ballo – su cui si erano accesi i riflettori del tavolo Tim-Open Fiber della prima ora, è vero anche che la partita non sarà semplice. I passaggi di consegne (scambi di azioni societarie fra Tim e Cdp) e il ruolo degli azionisti (Vivendi ed Elliott) dovranno essere risolti prima ancora di capire se l’operazione è finalizzata a una newco “terza” da creare a seguito dei nuovi equilibri e ai nuovi pesi. Insomma il tema degli “accrocchi societari” su cui siè spesso espresso il numero uno di Enel Francesco Starace, resta sul tavolo.

E bisognerà anche capire che fine farà il rame di Tim. Nonché quanto valgono gli asset di Open Fiber: anche se la forchetta plausibile è quella che oscilla fra i 2 e i 3 miliardi, un miliardo di differenza fa la differenza. E dunque bisognerà mettersi d’accordo prima sul valore, sulle quote azionarie e sulla governance, ultimo ma non banale aspetto della partita.

 

Sei social? Condividi!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *